Home | Startupper | Raccogli informazioni | Come fare un business plan che attiri realmente finanziatori o investitori
come-fare-un-business-plan-che-attiri-realmente-finanziatori-o-investitori-Fabrizio-Diluca

Come fare un business plan che attiri realmente finanziatori o investitori

Hai raggiunto il fondamentale e spesso emotivamente teso momento in cui ti rendi conto che per avviare la tua azienda, per sopravvivere o per farla crescere hai bisogno di più soldi? Sia tu stia cercando un finanziamento, sia tu voglia trovare un investitore è meglio avere tutti gli elementi necessari al posto giusto prima di avanzare qualsiasi richiesta. In altre parole, è meglio avere un Business Plan.

Ci sono oggettivamente opinioni contrastanti circa l’importanza di avere un piano di business e sulle modalità con cui andrebbe redatto. Mi è capitato, infatti, di sentire alcuni venture capitalist dire che a volte i business plan non valgono nemmeno la carta su cui sono scritti o business angel che prediligono documenti molto sintetici, per non parlare poi di quelli che ricevo personalmente e che cestino per la totale impossibilità di comprenderne il senso reale o il modello di business che li accompagna.

Tuttavia, essere in grado di descrivere la propria attività, il settore in cui si opera e il mercato potenziale di riferimento ritengo sia di vitale importanza per qualsiasi azienda.

Partiamo allora da un elenco di informazioni minime che dovrebbero essere presenti nel vostro Business Plan, insieme ad alcuni “must”, affinché possano aumentare le probabilità di ottenere risposte positive da chiunque sia l’attore cui vi rivolgete:

Fate subito un’efficace sintesi. Questo permette ai potenziali investitori di determinare rapidamente se vale la pena o meno di leggere l’intero documento. Mettete qui quindi creatività, ingegno e impegno, affinché quello che qui compare risulti un forte incentivo a continuare a leggere il resto di quanto avete elaborato.

Descrivete la società. Lo scopo principale della vostra azienda, compresi i prodotti e servizi, nonché qualsiasi tecnologia proprietaria o altre caratteristiche uniche e differenzianti. Questo è anche il luogo dove includere informazioni sulla storia dell’azienda (senza esagerare…), evidenziando gli elementi di reale valore o successi già conseguiti.

Mission e Vision. Questa è l’immagine reale della vostra azienda, il “perché” dietro ciò che fate. Senza questi elementi non esiste alcuna azienda o progetto imprenditoriale.

Necessità finanziarie. Ovviamente quanto chiedete ma soprattutto che cosa avete intenzione di fare, dettagliatamente, con ciò che chiedete.

Analisi del mercato e della concorrenza. Quest’area deve descrivere compiutamente la dimensione del vostro mercato di riferimento e chi sono i vostri competitors sia che si tratti di prodotti che di servizi.

Piano di marketing. Descrivete almeno le quattro P di base del marketing: prodotto, prezzo, posizionamento e promozione. Tenete ben presente che è qui che dovete saper dimostrare che avete ben chiaro come fare a generare fatturato.

Organizzazione. La struttura della vostra organizzazione deve dare la misura di quanto avete programmato per la vostra futura crescita. Inserite quantomeno un organigramma semplice con le descrizioni dei ruoli e una visione che mostri perché e come l’insieme risulti funzionale ed efficace per sostenere e sviluppare il vostro business.

Team. La vostra storia, la vostra esperienza, le competenze e i percorsi professionali del vostro team possono fare realmente la differenza quando cercate finanziamenti o investitori. Anche se la vostra esperienza è limitata, trovate comunque un qualsiasi elemento, fosse anche solo uno, grazie al quale voi e la vostra squadra potete rendere l’azienda, un’impresa di successo.

Come operate. Come la vostra organizzazione gestirà il vostro business anche, se possibile, utilizzando un semplice diagramma di flusso.

Progetti in corso. Se ve ne sono e devono essere completati prima di poter generare entrate o maggior fatturato, dovete tassativamente elencarli fornendo piano e tempi per portarli a termine.

Analisi del rischio e soluzioni. Qui dovete mostrare che siete consapevoli dei rischi che corrette ma che avete pensato a come affrontarli e, soprattutto, eliminarli.

Piano finanziario. E’ necessario che riusciate a far comprendere a finanziatori o investitori dove quanto richiedete, va ad inserirsi nel vostro “layout” finanziario. Dovrete quindi elencare dettagliatamente i costi e i ricavi attesi con proiezioni finanziarie che suggerisco di sviluppare per almeno un triennio o, ancor meglio, per un quinquennio. E’ oltremodo fondamentale offrire una stima realistica di quando si raggiungerà il punto di pareggio (Break Even) affinché sia chiaro da quale momento, inizierete a generare profitto.

Fabrizio Diluca

About Fabrizio Diluca

Società: fd research group s.r.l.  -  Aree di competenza: Entrepreneurship, Leadership, Business Development, Marketing strategies, Sales Management  -   Interessi: Formazione, Business Coaching, Sviluppo e crescita personale, Musica, Alta Fedeltà, Investimenti Finanziari

Check Also

metterti in proprio

TEST- Metterti in Proprio: Hai davvero quello che serve?

Vuoi davvero metterti in proprio? Immagina di ricevere una fantastica offerta di lavoro da parte ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque − 5 =

Show Buttons
Hide Buttons

Vuoi diventare IMPRENDITORE?

Scarica l'EBook OMAGGIO "Libera l’Imprenditore che c’è in te!"

Un e-book adatto a chiunque abbia un Sogno Imprenditoriale, un’idea sulla quale voglia sviluppare un proprio business ma anche a chi aspira concretamente a divenire Imprenditore, oppure, a chi è già uno Startupper o un Neo Imprenditore.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy