Home | Imprenditore | Imparare dai “Perché?” dei bambini!
imparare-dai-perche-dei-bambini

Imparare dai “Perché?” dei bambini!

In un articolo apparso qualche mese fa su Impresa In Corso si spiegava la possibilità di imparare dai bambini nel fare impresa e nell’aprire un’attività.

Mi è talmente piaciuto quell’articolo e quell’argomento, che ho approfondito la tematica tramite testi, articoli e chiacchierate coi diretti interessati!

In queste righe voglio toccare la tematica dei “Perché?”, ossia di quella miriade di domande a catena che chiunque si sia trovato a parlare con un bambino può dire di aver “subito”! Spesso i genitori o chi parla coi bambini nella loro fase dei “perché”, si sentono frustrati, sia per il fatto di non avere sempre la risposta alle loro domande, e sia perché anche con una risposta esauriente le domande ripartono a raffica!

La risposta “Perché no” ai bambini non piace, e in questo dovremmo tornare un po’ bambini anche noi, imparare a fare domande, a chiedere e chiedersi “Perché”! Questo domandarsi “Perché?” riguarda solo la curiosità di sapere cosa accade intorno a noi, ed è utilissimo nel momento della progettazione di nuove attività.

La curiosità ci permette di fare un balzo in creatività, aiutandoci anche ad ampliare i nostri orizzonti. I bambini si interrogano sempre su tutto e trovano sempre soluzioni creative ai problemi, mentre spesso al lavoro e nelle nostre attività ci troviamo a dare un contributo minimo e a cambiare le cose solo marginalmente.

Ho sentito dire che se riuscissimo a chiedere a noi stessi “Perché?” per cinque volte di fila e riuscissimo a dare risposte chiare fino alla fine, allora avremmo completa padronanza del discorso, o dell’attività. Questa metodologia veniva applicata fin dagli anni 70 dal Toyota Production System (e consiglio a questo proposito il libro “Lo spirito Toyota” di Taiichi Ohno). Voglio riportare qui un esempio di questo testo per rendere più chiara la “regola dei 5 perché”:

Supponiamo  che una macchina si arresti:

  1. Perchè la macchina si è fermata? —> Perchè si è prodotto un sovraccarico ed è saltato un fusibile
  2. Perchè questo sovraccarico? —> Perchè la lubrificazione dei cuscinetti è risultata insufficiente
  3.  Perchè la lubrificazione è risultata inufficiente? —> Perchè la pompa d’ingrassaggio non ha lavorato a sufficienza
  4. Perchè la pompa di ingrassaggio non ha lavorato a sufficienza ? —> Perchè l’albero della pompa è stato danneggiato dalle vibrazioni
  5. Perchè questo danno? —> Perchè non c’è stato un filtraggio adeguato, e questo ha prodotto l’intrusione di un pezzetto di metallo

Ripetere a più riprese “perchè”, come in questo esempio, può servire ad individuare il problema e a risolverlo. Al contrario, senza seguire questa prassi, si sarebbe semplicemente provveduto alla sostituzione del fusibile o dell’albero della pompa d’ingrassaggio. Così il problema reale non sarebbe emerso e la disfunzione avrebbe continuato a verificarsi per diversi mesi

Ma quanti tra di noi hanno smesso di chiedere e chiedersi perché? Quanti di noi dopo aver sentito la richiesta per un problema di un cliente, di un fornitore, di un superiore, prendono due appunti e si lanciano a testa bassa nel compito? Forse abbiamo poco idea del perché ci è stato richiesto tale compito, e se non conosciamo il vero problema, come potremmo avere mai modo di risolverlo? Spesso ascoltiamo le indicazioni di qualcuno e lavoriamo senza pensare.

Proviamo a dare un compito da fare ad un bambino. Subito ci chiederebbe il perché, e ad ogni spiegazione continuerebbe con i suoi perché fino a quando non ha effettivamente capito (o fino a quando l’adulto interrompe bruscamente il ciclo delle domande!).

Se potessimo utilizzare il bambino dei “Perché” che c’è in noi e aggiungerci un po’ di organizzazione, diventeremmo tutti ottimi manager, imprenditori, professionisti!

E tu quanto riesci a fare e farti domande, a chiederti “Perché”?

Vuoi provare il “gioco” dei 5 perché su un argomento di tua competenza e condividere con noi il risultato?

About Nadia Toppino

Aree di competenza: Public Relations, Organizzazione Eventi, Food&Wine blogger, Creatività aziendale - Interessi personali: Food&Wine, Sociale e No profit, Business Networking

Check Also

Oggi voglio parlare di Brainstorming e di Alleanze di Cervelli!

Alleanza dei Cervelli: il brainstorming per imprenditori e professionisti

Oggi voglio parlare di Brainstorming e di Alleanze di Cervelli! Da Wikipedia la definizione che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − uno =

Show Buttons
Hide Buttons

Vuoi diventare IMPRENDITORE?

Scarica l'EBook OMAGGIO "Libera l’Imprenditore che c’è in te!"

Un e-book adatto a chiunque abbia un Sogno Imprenditoriale, un’idea sulla quale voglia sviluppare un proprio business ma anche a chi aspira concretamente a divenire Imprenditore, oppure, a chi è già uno Startupper o un Neo Imprenditore.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy