Home | Imprenditore | La gestione del team
la-gestione-del-team

La gestione del team

Come fare squadra? Come gestire dei team vincenti? Domande che fanno la differenza per il successo dell’azienda, ed in generale di qualunque progetto.

Questi temi inoltre diventano sempre più di attualità se pensiamo ai cambiamenti tecnologici in atto, alla smaterializzazione e localizzazione delle sedi aziendali.

Sicuramente serve avere una vision condivisa, degli obiettivi condivisi e serve definire processi ed azioni da compiere periodicamente allo scopo di creare coesione nel team aziendale o di progetto. Serve inoltre attribuire a questi step periodici la giusta priorità ed importanza, evitando il rischio che tali attività vengano messe in secondo piano rispetto alla gestione quotidiana.

Ma vediamo se esistono degli strumenti che ci possono aiutare:

  • Staff meeting: si tratta di riunioni che possono essere realizzate fisicamente o in web conference utilizzando skype o altri strumenti analoghi. L’obiettivo è fare il punto della situazione e valutare l’avanzamento e eventuali ritardi di progetto. In queste sessioni tutti possono dialogare con tutti chiarendo dubbi o perplessità.
  • Comunicazioni periodiche verticali: fisicamente parliamo di lettere, di fax o di comode email e newsletter tramite le quali il leader o un responsabile designato può inviare delle comunicazioni quotidiane o settimanali e trasferire lo stato di avanzamento del progetto, gli obiettivi periodici e simili. In questo modo ci si allinea sull’andamento del progetto o si veicolano informazioni dal vertice alla base.
  • Comunicazioni orizzontali: Grazie alla tecnologia ed al Web oggi disponiamo anche di Intranet aziendali, social network, blog e community online: sono ambienti web in cui si può parlare, dialogare, scambiarsi informazioni, metterle a disposizione del team, fare brainstorming, comunicare difficoltà, risolvere momenti critici.

 

Naturalmente l’invito è individuare il giusto mix di strumenti e metodi di gestione del team, evitando di utilizzarne solo uno. Perché le risorse sono tra loro diverse; alcune più tecnologiche, altre più sensibili al contatto umano. E nel team è fondamentale rispettare e tenere nella debita considerazione le esigenze di tutti, cercando per quanto possibile di soddisfarle.

Ma tutto questo è nulla senza una precisa definizione ed il rispetto dei ruoli attribuiti. A tal riguardo ecco una lezione memorabile di Julio Velasco:

 
 

Approfondimenti

 

About Alberto Baruffaldi

Società: fd research group srl  -  Aree di competenza: Controllo di Gestione, Finanza Aziendale e Business Development  -   Interessi: Coaching, No Profit, Business Networking e nuove tecnologie.

Check Also

Dai “limiti” del brainstorming a vantaggi dell’Alleanza dei Cervelli!

Dai “limiti” del brainstorming ai vantaggi dell’Alleanza dei Cervelli

Quali sono i vantaggi di un brainstorming tra imprenditori e professionisti? E quali differenze ci sono rispetto ...

2 commenti

  1. Ciao Alberto e complimenti … doppi!

    Complimenti per il tema e per le soluzioni che proponi.

    E complimenti per aver inserito il filmato la straordinaria performance di Velasco che descrive come, anche nella pallavolo, ci siano grandi opportunità di miglioramento :-)!

    Posso contribuire al tuo post segnalando che le soluzioni “tecniche” di comunicazione sono ideali per problemi “tecnici”; infatti, aziende in cui i flussi della comunicazione sono inadeguati ne pagano sicuramente le conseguenze.

    Nella mia esperienza, ho riscontrato quanto sia (anche) importante sondare se ci sono problematiche dal punto di vista della relazione. In questo caso gli interventi sono, necessariamente, diversi.

    Nel caso di Velasco, sarebbe interessante chiedersi perché lo schiacciatore cerca un capro espiatorio nell’alzatore e l’alzatore nel ricevitore (così come in azienda chi è responsabile per una performance scadente riversa la colpa su chi, nel processo, sta prima di lui). E se una relazione migliore potrebbe modificare la situazione.

    Rivelatori di problematiche relazionali sono talvolta l’uso del “noi” e del “voi” quando si parla di persone della stessa azienda. O, come nel caso degli schiacciatori, la difficoltà di mettersi nei passi degli altri.

    Ecco, la grande differenza fra problemi “tecnici” di comunicazione e problemi relazionali sono che i primi sono visibili a tutti mente i secondi sono quasi sempre ritenuti fisiologici e quindi difficilmente diagnosticabili dall’interno.

    Le problematiche di relazione sono (quasi) sempre alla base dei problemi che risolvo con i miei Client. E talvolta riguardano persone che lavorano, gomito a gomito, da 10 anni …

    Ciao, alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove − 6 =

Show Buttons
Hide Buttons

Vuoi diventare IMPRENDITORE?

Scarica l'EBook OMAGGIO "Libera l’Imprenditore che c’è in te!"

Un e-book adatto a chiunque abbia un Sogno Imprenditoriale, un’idea sulla quale voglia sviluppare un proprio business ma anche a chi aspira concretamente a divenire Imprenditore, oppure, a chi è già uno Startupper o un Neo Imprenditore.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy