Home | Imprenditore | Finanza Aziendale | Produttività: chiariamo di cosa si tratta
produttivita-chiariamo-di-cosa-si-tratta-Alberto-Baruffaldi

Produttività: chiariamo di cosa si tratta

Quante volte sentiamo dire che in Italia serve maggiore produttività? Oppure spesso l’imprenditore invoca una maggiore produttività, riferendosi molto spesso ai propri collaboratori.

Cerchiamo di capire cosa intendiamo per produttività. Per farlo occorre ricordare le definizioni di efficacia ed efficienza.

Con il termine efficacia si misura quanta parte dell’obiettivo prefissato si è raggiunto. Per esempio, se il target della nostra azienda è raggiungere  800 mila euro di fatturato e se ne raggiunge “solo” 700 mila, possiamo dire che la politica commerciale e di marketing messa in atto è stata efficace (o inefficace, se il risultato ottenuto non rientra nel range di tollerabilità) all’87,50% (= 700.000/800.000).

Con il termine efficienza ci si riferisce, invece, al rapporto tra risultati raggiunti e mezzi impiegati. Tale indice può anche essere chiamato produttività.

Ad esempio in una azienda produttiva, al numeratore ci sarà la produzione ottenuta e al denominatore la quantità di risorse (ad esempio: capitale o lavoro) che è stato necessario impiegare per quella produzione. Di conseguenza, se, per esempio, la politica dell’impresa punta alla produzione, in un certo lasso di tempo, di centomila unità di un determinato prodotto, sarà più produttiva la combinazione industriale che richiederà, per il raggiungimento di quel livello, meno operai o meno beni strumentali.

Chiarito il fondamentale concetto di produttività, andiamo a vedere tre indici che possono misurarla.

1. Il primo è riferito al fattore produttivo lavoro e prende pertanto in considerazione il numero di addetti, cioè non solo i dipendenti, ma anche gli occasionali, i soci lavoratori, i collaboratori e chiunque altro abbia partecipato alla produzione nel periodo considerato.

Ricavi medi per addetto = vendite (in euro)/numeri addetti

Ci dice quante vendite ha prodotto in media ciascun addetto.

Ad esempio una società che fattura 1.000.000 di euro ed utilizza 10 dipendenti, avrà un ricavo medio unitario per addetto pari a 100 mila euro.

2. Anche il secondo indice di produttività fa riferimento al fattore lavoro e quindi al numero di addetti.

Reddito operativo per addetto = reddito operativo/numeri addetti

Esprime quanta parte del risultato della gestione caratteristica ha prodotto (in media) ogni addetto.

Il Reddito Operativo viene calcolato sottraendo dai Ricavi i Costi delle Materie Prime, i Costi del Personale, i Costi Operativi e gli Ammortamenti delle immobilizzazioni materiali ed Immateriali.

3. Un terzo indice considera anche il fattore capitale, rappresentato dalle immobilizzazioni materiali e immateriali.

Cespiti per addetto = (attivo fisso – immobilizzazioni finanziarie)/numero di addetti

Indica la quantità di cespiti a disposizione di ciascun addetto. Non è propriamente un’espressione di produttività, bensì un metro del grado di “industrializzazione” dell’impresa. Per cui un elevato valore dell’indice è sinonimo di alta tecnologia ed automazione nel processo produttivo.

Tali indicatori sono particolarmente indicati per le aziende produttive. In caso di aziende di servizi (es. società di consulenza), risultano particolarmente utili i primi due indici.

 

About Alberto Baruffaldi

Società: fd research group srl  -  Aree di competenza: Controllo di Gestione, Finanza Aziendale e Business Development  -   Interessi: Coaching, No Profit, Business Networking e nuove tecnologie.

Check Also

Dai “limiti” del brainstorming a vantaggi dell’Alleanza dei Cervelli!

Dai “limiti” del brainstorming ai vantaggi dell’Alleanza dei Cervelli

Quali sono i vantaggi di un brainstorming tra imprenditori e professionisti? E quali differenze ci sono rispetto ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 1 =

Show Buttons
Hide Buttons

Vuoi diventare IMPRENDITORE?

Scarica l'EBook OMAGGIO "Libera l’Imprenditore che c’è in te!"

Un e-book adatto a chiunque abbia un Sogno Imprenditoriale, un’idea sulla quale voglia sviluppare un proprio business ma anche a chi aspira concretamente a divenire Imprenditore, oppure, a chi è già uno Startupper o un Neo Imprenditore.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy