Home | Imprenditore | Finanza Aziendale | I killers della Gestione Finanziaria, quelli pronti a uccidere subito una Piccola Impresa
gestione finanziaria

I killers della Gestione Finanziaria, quelli pronti a uccidere subito una Piccola Impresa

Sulla pessima gestione finanziaria, leggevo l’ennesimo report di D&B sul fatto che il 90% dei fallimenti di start up e più in generale di micro e piccole imprese, è causato da scarsa e protratta mancanza liquidità. Triste verità…

Per evitare di diventare parte di quel 90%, è necessario ricordare sempre che quando si parla di gestione finanziaria di una micro o piccola impresa è il contante in cassa che comanda.

In altre parole, non c’è posto per una pessima o non curata gestione dei flussi di cassa e, più in generale, per una pessima gestione finanziaria.

Una buona gestione dei flussi di cassa, significa anzitutto aver cognizione di ogni entrata o uscita di denaro, e, in linea di principio, ritardare ogni esborso mentre s’incassa nel più breve tempo possibile.

In questo senso è sempre utile incentivare in ogni modo i pagamenti anticipati o “a vista” ed essere estremamente efficaci nel recupero crediti.

Inoltre, è necessario essere vigili per eliminare o limitare qualsiasi sorpresa, ritardo nei pagamenti o esborsi derivanti da spese non pianificate.

Vediamo quindi di seguito, con un po’ d’ironia, chi sono i killers della gestione finanziaria che potrebbero attaccare la tua piccola impresa e cosa fare per disarmarli:

 

Lo spianificato

Non importa quanto piccola sia la tua impresa, devi pianificare e avere un rigido controllo dei flussi di cassa.

Naturalmente, non è possibile prevedere tutto, ma avere traccia di tutto ciò che è noto, aiuta a prevenire i problemi identificando prima possibili periodi di scarsa liquidità e prevedendo per tempo a come ovviare.

Lo smensilizzato

Nello sviluppo dell’attività, la spesa arriva velocemente e gli incassi spesso molto lentamente.

Questo è il motivo per il quale il tuo budget e il controllo dei flussi di cassa devono essere mensilizzati cercando quindi di fare il modo che il reddito previsto sia sempre maggiore delle spese previste.

In assenza, ci si può trovare facilmente in sofferenza e, purtroppo, molto spesso banche e investitori non sono disponibili ad aiutare…

Lo sprofittatore

I profitti non si traducono necessariamente in contanti. Questo accade poiché la prima priorità di alcune micro e piccole imprese (e comunemente delle start up) è spesso quella di reinvestire tutto sul proprio business o sulla propria crescita.

Tutto bene però attenzione al fatto che, pur essendoci un sacco di possibilità per rendere un bilancio apparentemente interessante, ci vuole pur sempre denaro reale per pagare le bollette, i partners, i collaboratori, i fornitori…

Lo stagionalizzatore

Avere vendite e fatturati fluttuanti secondo periodicità specifiche nell’arco dell’anno significa dover prevedere delle disponibilità per coprire gli alti e i bassi che da questo derivano.

Attenzione quindi al fatto che, ogni euro che va in copertura e un euro in meno di contanti disponibili.

L’emergenziatore

La possibilità che vi siano spese impreviste per chi fa impresa è pari al 100%.

Potrebbe essere per un evento naturale, la perdita di personale chiave, un guasto, un reclamo di un cliente importante, etc.

Ogni attività corre rischi di trovarsi in emergenza, meglio quindi pensare ad un fondo o altro tipo di coperture per sostenersi quando questo accade.

L’anticipatore

E’ facile dimenticarsi di prevedere che per il nuovo ufficio o capannone vogliono un anticipo di qualche mese e una cauzione, così come di quanto è necessario avere per fare modifiche, allestimenti o la messa in sicurezza.

A volte anche per le utenze servono anticipi così come banche o fornitori potrebbero porre vincoli e spesso questo accade mentre i clienti chiedono dilazioni o demo dei vostri prodotti o servizi.

Il destabilizzatore

Nel lanciare un nuovo business, oppure ogni volta che se ne rilancia uno esistente, i volumi di vendita possono calare proprio quando ne avresti più bisogno per coprire le spese di marketing, comunicazione o nuove infrastrutture che hai sostenuto.

Tenere quindi conto di questo possibile effetto “delay” è fondamentale.

L’inaspettato

A volte anche i migliori clienti possono pagare in ritardo e l’evitare ritardi nei pagamenti e certamente una delle più grandi sfide per qualsiasi micro o piccola impresa.

A volte ci si ritrova a dover attendere anche oltre i 60 giorni di media prima di essere pagati rispetto a quanto previsto.

L’acceleratore

Quando si cresce più velocemente di quanto previsto, è certamente un bene ma bisogna comunque tener conto del fatto che più velocemente si cresce, più denaro sarà necessario per costruire prodotti, adeguare le strutture, il personale o implementare nuovi servizi.

Questi sono costi che non possono aspettare ma che hanno bisogno di tempo e fatturato per essere recuperati.

Il trattenitore

Banche e investitori possono trattenere i fondi di cui necessitate e la cui erogazione avevate concordato qualora i vostri flussi di cassa non siano quelli parallelamente attesi.

Quando possibile quindi, cerca di acquisire almeno un 15-25% in più di quello che sarebbe realmente necessario per coprire anche simili imprevisti.

Il tecnicizzatore

Questo non è un killer strettamente legato all’area finanziaria, è una guest star, ma è l’unico capace oltre che di agire in proprio, di ingaggiare anche tutti gli altri killers.

E’ quello di pensare che bisogna essere bravi, competenti e preparati più che capaci di vendere. Quello che pensa più al prodotto o al servizio, a come presentarlo o promuoverlo più che a venderlo. Quello che ti fa seguire tutto tranne che il fatturato. Quello per cui vendere è un di cui, un’opzione…

Questo killer può risultare immediatamente devastante perché il primo obiettivo della tua micro o piccola impresa è sempre e comunque: vendere e fatturare!

Finito? Assolutamente no!

Perché poi ci sei tu e i tuoi soci che potreste reagire a ogni evento in modo negativo ed eccessivo, pagando le cose più piccole senza pensare concretamente a quelle più grosse, estendendo tutti i pagamenti senza un piano di rientro autorizzando così i fornitori a bloccarvi, aumentare smisuratamente i vostri sconti senza però contrattare su quelli inerenti alle vostre spese, mentre banche e finanziatori diminuiscono o azzerano le vostre linee di credito.

Così facendo morale, fiducia e motivazioni scendono, i migliori partner o collaboratori ti lasciano ed ecco che, senza colpo ferire, siete diventati un numero di una statistica.

Per tutti questi motivi, individua e disarma subito i killers della gestione finanziaria, dando alla tua impresa un’efficace struttura di pianificazione e di controllo di gestione dei flussi di cassa.

Fabrizio Diluca

Fabrizio Diluca Twitter
Fabrizio Diluca Linkedin

 

======================

Se guidi una micro o piccola impresa, puoi partecipare al workshop gratuito: “Power Business

======================

 

About Fabrizio Diluca

Società: fd research group s.r.l.  -  Aree di competenza: Marketing strategies, Business Mentoring, Business Development, Entrepreneurship, Sales Leadership -   Interessi: Sviluppo e crescita imprenditoriale, Formazione Business, Start up, Musica, Alta Fedeltà, Investimenti immobiliari e Finanziari

Check Also

Strategia e Piano Marketing 2022

Professionisti e Piccole Imprese: Strategia e Piano Marketing 2022

Strategia e Piano Marketing 2022, è il momento di parlarne… Se sei un Professionista o ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 × 3 =

Show Buttons
Hide Buttons

Vuoi diventare IMPRENDITORE?

Scarica l'EBook OMAGGIO "Libera l’Imprenditore che c’è in te!"

Un e-book adatto a chiunque abbia un Sogno Imprenditoriale, un’idea sulla quale voglia sviluppare un proprio business ma anche a chi aspira concretamente a divenire Imprenditore, oppure, a chi è già uno Startupper o un Neo Imprenditore.