Home | Professionista | Finanza Aziendale | La gestione finanziaria dell’impresa: alcuni concetti base
La gestione finanziaria dell'impresa: alcuni concetti base

La gestione finanziaria dell’impresa: alcuni concetti base

Gestire finanziariamente un’impresa significa semplicemente occuparsi della gestione del denaro all’interno della propria attività professionale o imprenditoriale. Non serve certo un esperto di finanza per capire quanto il denaro disponibile sia alla base della sopravvivenza stessa dell’impresa e del suo funzionamento. Acquistare beni e fare investimenti sono alla base del funzionamento di ogni impresa, e per entrambi serve denaro disponibile e spendibile. E se pensiamo agli investimenti sono anche alla base dello sviluppo futuro dell’azienda stessa.

Se la gestione del denaro è così importante, allora è fondamentale che l’imprenditore, o qualcuno per lui, tenga sotto controllo la dinamica finanziaria, o detto in altre parole, tutte le decisioni che riguardano i flussi di denaro in entrata ed in uscita.

Gli aspetti finanziari, inoltre, non vanno considerati come separati dal resto della gestione aziendale, ma al contrario la gestione finanziaria è legata a tutte le altre aree aziendali, che per i loro fini “consumano” denaro (es. acquisti, produzione, ecc.) e sono alla base della “creazione” di denaro in azienda (es. vendite).

Se colleghiamo i due concetti appena espressi, allora gestire finanziariamente l’azienda, significa governare le aree che influenzano la produzione e il fabbisogno di denaro, cioè liquidità.

In altre parole, uno dei fattori determinanti per il successo imprenditoriale, è la capacità dell’imprenditore, o del suo team, di gestire le entrate e le uscite di cassa, cioè i flussi di cassa.

I flussi di cassa dipendono dalle decisioni che quotidianamente vengono prese in azienda. Possono essere scelte operative (es. acquistare delle materie prime) oppure strategiche (es. cambiare i macchinari).

In generale, i flussi di cassa attuali o futuri dipendono dalle scelte fatte e da fare su:

  • gli investimenti;
  • i finanziamenti;
  • la redditività aziendale (che a sua volta dipende da molti fattori: prezzi, gestione dei costi di acquisto, gestione delle spese generali, ecc.);
  • le dilazioni concesse ai clienti (o non concesse: esempio insoluti);
  • le dilazioni ottenute dai fornitori;
  • dimensione e dinamica delle merci in magazzino
  • politica finanziaria;
  • politica fiscale

Ecco allora che diventa davvero vitale per l’imprenditore avere un metodo e degli strumenti che permettano di capire quanto e come le scelte in tali ambiti impattino sulla situazione finanziaria aziendale sia in fase preventiva e progettuale che in fase consuntiva.

About Alberto Baruffaldi

Società: fd research group srl  -  Aree di competenza: Controllo di Gestione, Finanza Aziendale e Business Development  -   Interessi: Coaching, No Profit, Business Networking e nuove tecnologie.

Check Also

Dai “limiti” del brainstorming a vantaggi dell’Alleanza dei Cervelli!

Dai “limiti” del brainstorming ai vantaggi dell’Alleanza dei Cervelli

Quali sono i vantaggi di un brainstorming tra imprenditori e professionisti? E quali differenze ci sono rispetto ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × cinque =

Show Buttons
Hide Buttons

Vuoi diventare IMPRENDITORE?

Scarica l'EBook OMAGGIO "Libera l’Imprenditore che c’è in te!"

Un e-book adatto a chiunque abbia un Sogno Imprenditoriale, un’idea sulla quale voglia sviluppare un proprio business ma anche a chi aspira concretamente a divenire Imprenditore, oppure, a chi è già uno Startupper o un Neo Imprenditore.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy