Home | Professionista | Fisco | Opportunità fiscali per Startupper individuali
Opportunità fiscali per startupper individuali

Opportunità fiscali per Startupper individuali

C’era una volta il contratto a tempo indeterminato: tutti ambivano a sottoscriverne uno e ad essere felici “per sempre”. Oggi la situazione è nettamente cambiata: elevata pressione fiscale, disoccupazione in costante crescita e mercato del lavoro bloccato hanno come conseguenza che, difficilmente, a un giovane che vuole inserirsi nel mondo del lavoro è proposto un contratto che non sia uno stage mal retribuito o a tempo determinato. Ed è proprio in una situazione come questa che molti decidono di giocarsi le proprie carte avviando un’attività in proprio.

In particolare, se lo startupper individuale – sia esso un piccolo imprenditore individuale o un professionista:

  • non ha esercitato attività d’impresa o professionale (anche in forma di impresa famigliare o associata) negli ultimi tre anni e
  • vuole avviare un’attività nuova, quindi che non costituisca, in alcun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo

può optare in sede di inizio attività per uno dei regimi fiscali agevolati, i quali oltre al pagamento di minori imposte, prevedono numerose semplificazioni in termini di adempimenti contabili e fiscali che permettono di ridurre anche il costo del commercialista.

I regimi sono:

  • il regime delle nuove iniziative produttive;
  • il regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e per i lavoratori in mobilità.

Ciò che li accomuna è la tassazione nettamente inferiore rispetto a quella media applicata agli altri contribuenti (viene adottata un’aliquota rispettivamente del 10% e del 5%, contro quelle Irpef che vanno dal 23% al 43% o Ires del 27,5%).

Per poter optare il regime delle nuove iniziative produttive, oltre ai due requisiti sopra indicati, l’imprenditore o il professionista:

  • non deve realizzare nei primi tre anni ricavi annui superiori ad euro 30.987,41 (per attività di servizi) ovvero euro 61.974,83 (per le altre attività);
  • deve adempiere regolarmente agli obblighi previdenziali, assicurativi e amministrativi.

Tale regime ha una durata triennale, decorsa la quale il contribuente passerà a tassazione ordinaria oppure, se in possesso dei requisiti, potrà optare per l’adesione al regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile.

Il regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e per i lavoratori in mobilità può invece essere optato, previa verifica dei due requisiti già citati, quando:

  • non si conseguono ricavi, ragguagliati all’anno, superiori a 30.000 euro;
  • non si acquistano beni strumentali per un importo superiore a 15.000 euro;
  • non si sostengono spese per lavoratori dipendenti o collaboratori non occasionali e non si effettuano esportazioni.

La sua durata, se mantenuti i requisiti sopra indicati, è quinquennale con possibilità di mantenimento dello stesso fino al 35° anno di età.

 

About Laura Chiara Gandolfi

Società: ​PCG - Pesenti Consulting Group  -   Aree di competenza: fiscale, societario, procedure concorsuali, bandi e finanziamenti agevolati  -   Interessi: fiscalità internazionale, tax compliance

Check Also

Oggi voglio parlare di Brainstorming e di Alleanze di Cervelli!

Alleanza dei Cervelli: il brainstorming per imprenditori e professionisti

Oggi voglio parlare di Brainstorming e di Alleanze di Cervelli! Da Wikipedia la definizione che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − 6 =

Show Buttons
Hide Buttons

Vuoi diventare IMPRENDITORE?

Scarica l'EBook OMAGGIO "Libera l’Imprenditore che c’è in te!"

Un e-book adatto a chiunque abbia un Sogno Imprenditoriale, un’idea sulla quale voglia sviluppare un proprio business ma anche a chi aspira concretamente a divenire Imprenditore, oppure, a chi è già uno Startupper o un Neo Imprenditore.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy